Tracce GPS

Scarica qui le tracce GPX dei percorsi del Nordic Walking Park

 

Fonte Capitello

Fonte Civillina

Fonte Franco

Fonte Giuliana

Le Sponde Agno

Park Fonti Centrali

Recoaro Mille

Recoaro Terme Nacht

Sengio della Sisilla

Valle del Perchele

Valle del Ricchelere

Vasca della Gazza

Se non hai il navigatore...

 

Come visualizzare i percorsi online

Esistono diversi siti e applicazioni in cui è possibile visualizzare le tracce e i punti di interesse contenuti. Il più conosciuto è sicuramente Google Earth. Una volta scaricato il programma sul proprio computer, basta selezionare la voce Apri dal menu File e selezionare il GPX di proprio interesse per avere una visualizzazione satellitare del percorso.

Alternative che consentono di fare lo stesso senza scaricare applicazioni sono Maplorer, GPS Visualizer e Bikemap.


Cos’è un file GPX?

Il GPX è un formato a licenza aperta che consente il trasferimento di dati georeferenziati fra supporti diversi. Un file GPX contiene tracce, percorsi e punti di interesse con le loro coordinate geografiche. Si sta affermando come standard per lo scambio di questo tipo di dati ed è compatibile con pressoché tutti i dispositivi GPS, come navigatori e smartphone con antenna satellitare, nonché con software e siti per la visualizzazione dei percorsi sullo schermo del computer.


A cosa servono i file GPX?

Caricando le tracce contenute nei file GPX su un dispositivo portatile, è possibile percorrerle passo passo con la possibilità di verificare in ogni momento la propria posizione e la distanza dall’arrivo o dai punti di interesse. A seconda delle specifiche del navigatore su cui la si installa, sarà anche possibile visualizzare strutture e servizi utili nella zona interessata, o attivare la guida vocale.


Come scaricare i file GPX sul proprio dispositivo GPS

Le modalità variano a seconda di marca e modello. Normalmente sono disponibili il caricamento manuale e quello automatico. In tutti e due i casi bisogna come prima cosa collegare l’apparecchio con il cavo apposito alla porta USB del computer.

Nel caso di caricamento automatico, i driver precedentemente installati avvieranno una procedura semplificata e intuitiva con un’interfaccia grafica ad hoc.

Nel caso in cui quest’opzione non fosse disponibile, si può aprire la memoria dell’apparecchio come se fosse una normale chiavetta USB e copiare il file GPX nella cartella dedicata ai percorsi, normalmente denominata “Tracks”.

Menu